Cellule e microscopi

microscopio

L’unità fondamentale degli esseri viventi è la cellula.

Esistono due tipi fondamentali di cellule: le cellule eucarioti e le cellule procarioti.

Una lezione multimediale sugli organelli della cellula eucariote si trova a questa pagina.

Video suggestivo, realizzato con tecniche di computer grafica tridimensionale, che illustra un viaggio all’interno di una cellula eucariote.

Video musicale in inglese che illustra in modo simpatica le proprietà del vacuolo.

Per poter studiare le cellule si utilizzano degli strumenti di osservazione: i microscopi. Approfondimento del Museo Galileo di Firenze sui microscopi ottici semplici e composti.
Breve storia del microscopio.

Galileo Galilei è stato uno dei primi scienziati che ha ideato un microscopio ottico composto nel 1624. Non sono rimasti microscopi originali di Galileo Galilei ma al Museo Galileo a Firenze e al Museo di Storia della Fisica dell’Università di Padova si possono ammirare microscopi galileani, ovvero dello stesso tipo di quelli ideati da Galileo Galilei. Pagina sul microscopio ottico del Museo Galileo di Firenze con animazioni interattive che illustrano il funzionamento e le caratteristiche del microscopio e con approfondimenti sulla storia del microscopio.

Microfotografie animate.

Gallerie di microfotografie spettacolari.

Galleria di immagini realizzate con un microscopio elettronico a scansione e poi colorate con falsi colori.

Articolo sul microscopio confocale.

Video sul microscopio atomico.

Neuroni e cervello

Cervello

Segnalo qualche risorsa utile per chi sta affrontando lo studio del sistema nervoso umano.

Per ripassare la struttura di un neurone (il tipo principale di cellula del sistema nervoso) ci si può cimentare con questa applicazione.

Il premio Nobel 2014 per la medicina e fisiologia 2014 è stato assegnato ai coniugi norvegesi Edvard e May-Britt Moser e John O’Keefe per la scoperta di gruppi di cellule nervose che ci permettono di orientarci (i “neuroni GPS“).

Nel 2014 il Brain Prize (una sorta di Nobel delle neuroscienze) è stato attribuito, fra gli altri, a Giacomo Rizzolati, scienziato che ha coordinato un gruppo di ricerca che negli anni ’90 del secolo scorso ha trovato i “neuroni a specchio” (un gruppo speciale di neuroni motori che si attiva anche quando si osserva un’altro individuo compiere un’azione). Giacomo Rizzolati è un piacevole divulgatore scientifico. Video dell’intervista di Fabio Fazio a Giacomo Rizzolati andata in onda nella puntata del 14 dicembre 2014 della trasmissione “Che tempo che fa” su Rai 3. Altra videointervista a Giacomo Rizzolati.

Animazione interattiva (in lingua inglese) che permette di visualizzare le aree del cervello deputate a compiere specifiche funzioni.

Rappresentazione tridimensionale del cervello (il sito è in inglese) che permette di ruotarlo e di evidenziare le principali parti del cervello.

L’analisi del cervello di Albert Einstein ha permesso di scoprire che aveva un corpo calloso (la parte che collega i due emisferi cerebrali) più spesso del normale.

Questo video mostra un innovativo metodo di imaging cerebrale ideato da Adam Gazzaley permette di visualizzare l’attività del cervello.

BigBRAIN è un atlante anatomico tridimensionale che permette di vedere immagini ad alta risoluzione del cervello. In questo video viene spiegato il progetto BigBRAIN.

Immagini di un cervello di topo reso trasparente con un particolare trattamento chimico.

Angoli

Goniometro
Per fissare il concetto di angolo piano si possono vedere questi disegni animati:
http://www.ufottoleprotto.com/geometria_4.htm
http://www.ufottoleprotto.com/geometria_5.htm

Oppure esercitarsi con dei giochi online:
http://lnx.sinapsi.org/wordpress/2013/01/15/insegnare-gli-angoli-spruzzando-acqua/
http://lnx.sinapsi.org/wordpress/2014/09/11/indovina-langolo-ma-senza-il-goniometro/
http://lnx.sinapsi.org/wordpress/2015/02/19/caccia-alla-banana-indovina-langolo/

Ci si può cimentare anche con un software di geometria dinamica come Geogebra (introduzione  a Geogebra, guida a Geogebra).
http://lnx.sinapsi.org/wordpress/2014/12/11/angoli-animati-con-geogebra/

Filmato che illustra come disegnare la bisettrice di un angolo (vai al numero 5):
http://www.libroattivo.com/sei/costruzionigeometriche/

Ghiaccio istantaneo e scaldamani

Con i ragazzi di prima A abbiamo appena iniziato lo studio del calore e della temperatura. Discutendo di questo argomento siamo arrivati a parlare di ghiaccio istantaneo, bevande “Caldo caldo” e scaldamani e ci siamo chiesti come funzionino questi oggetti.

Ammonium-nitrate-xtal-3D-balls-A.pngStruttura molecolare del nitrato di ammonio.

Il ghiaccio istantaneo (che si usa in occasione di piccoli traumi) deriva da una trasformazione fisica la dissoluzione di un sale (nitrato di ammonio, NH4NO3) in acqua; questa trasformazione richiede calore e per questo la soluzione si raffredda. Nei sacchetto di ghiaccio istantaneo il nitrato d’ammonio e l’acqua sono tenuti separati da una membrana, se premo il sacchetto si rompe la membrana e il nitrato di ammonio si mescola con l’acqua, i cristalli di sale si sciolgono in acqua assorbendo calore e abbassando la temperatura. Continua a leggere